In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

L'ora della Terra. Un'ora di buio per salvare il pianeta.

Il prossimo 28 marzo ritorna l’appuntamento annuale con Earth Hour, la mobilitazione planetaria per chiedere ai Governi azioni concrete contro i cambiamenti climatici.
Earth Hour, l’Ora della Terra, è un’iniziativa nata a Sidney nel 2007, ideata dal WWF per richiamare l’attenzione sul tema del risparmio energetico; un’ora di buio per simboleggiare l’importanza di ridurre le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, responsabili dell’effetto serra. 

Il 31 marzo 2007, per la prima volta l’intera città australiana spense le luci per un’ora, le immagini di questa forma di protesta, silenziosa ma di grande effetto scenico, fecero immediatamente il giro del mondo.  L’anno successivo, complice anche il motore di ricerca Google che negli Stati Uniti, in Canada, in Irlanda e nel Regno Unito, presentò come home page uno sfondo nero con la scritta “Noi abbiamo spento le luci. Ora tocca a voi”, altre 371 città nel mondo spensero le luci.
Due anni dopo Earth Hour era già un fenomeno globale.
Sono tanti i luoghi simbolo che in questi anni sono rimasti al buio in questa giornata, il Colosseo, la Torre Eiffel, l’Empire State Building, il Cremlino, l’Acropoli di Atene solo per citarne alcuni.

L’edizione di quest’anno è particolarmente importante, perché nel mese di dicembre a Parigi ci sarà una conferenza decisiva sul clima, in cui tutti i paesi del mondo saranno chiamati a ridurre i gas serra. Questa conferenza è ritenuta, dagli ambientalisti e dalla comunità scientifica internazionale, come l’ultima occasione per salvare il pianeta.
Per questo motivo è più che mai determinante partecipare, milioni di persone in tutto il mondo che in un giorno e in un’ora prestabilita spengono la luce, sono un segnale da non sottovalutare per chi deve decidere una giusta politica ambientale, non a caso lo slogan di quest’anno è “Change Climate Change - Use your power”.

L’energia più potente siamo noi, come ha giustamente rilevato Mariagrazia Midulla, responsabile del WWF Italia – Il riscaldamento globale non conosce confini. Earth Hour coinvolge tutti i cittadini del mondo e rende i loro gesti, uniti a tanti altri, altamente significativi di una volontà comune. –

Durante l’Ora di Buio, che in Italia è prevista dalle 20.30 alle 21.30, saranno organizzate dal WWF numerose iniziative locali, spettacoli di danza in piazza, arte di strada, cene a lume di candela, musica, attività per bambini. L’elenco delle città aderenti è costantemente aggiornato sul sito ufficiale della manifestazione.

E voi spegnerete la luce?       

Photogallery

Video


Commenti

Lascia un commento

Loading...
0