In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

Giornata nazionale degli alberi... abbracciamoli

Tra pochi giorni si celebra la Giornata nazionale degli alberi. Riconosciuta da una legge nel 2013, questa giornata serve per ribadire l'importanza che gli alberi hanno avuto e continuano ad avere per la vita sulla Terra. E lo ricordiamo, ogni anno, il 21 novembre con varie iniziative in tutt’Italia.
Tra le tante proposte perché non provare ad abbracciare un albero?

 

Si tratta di un’esperienza rigenerativa conosciuta con il nome di silvoterapia.

Oggi la silvoterapia è stata riconosciuta come scienza ufficiale, un vero metodo terapeutico di cura e di prevenzione delle malattie.
Anche se in realtà era una pratica utilizzata da sempre, dato che la natura, in passato, era considerata la vera e unica medicina. Le origini, infatti, sono legate alle antiche pratiche e credenze che rintracciavano aspetti magici e religiosi nei luoghi boschivi, alle forze e alle energie che l'uomo poteva cercare e trovare nei boschi.
Secondo i sacerdoti celtici, era possibile ritrovare il benessere sfruttando l’energia positiva delle piante.  

Da sempre in Giappone, le persone praticano la “balneazione forestale”, ovvero delle lunghe passeggiate tra gli alberi per stimolare il loro sistema immunitario. Sono anche convinti che trascorrere delle ore nei boschi, in silenzio, serva ad assorbire la saggezza delle antiche foreste. 
Nel Taoismo, gli studenti sono incoraggiati a meditare tra gli alberi, si ritiene infatti che gli alberi assorbono le energie negative, sostituendole con quelle sane. 

 

Oggi la scienza, dopo vari studi e ricerche, ha confermato i benefici del tempo trascorso a contatto con gli alberi.
Il fondamento scientifico è fornito dagli ioni negativi, presenti in notevole quantità nei luoghi ricchi di alberi. L'aria dei boschi è benefica proprio perché contiene percentuali altissime di ioni negativi di ossigeno.  
La ionizzazione negativa dell’aria crea una sensazione generale di rilassamento corporeo, un abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza respiratoria, migliora le capacità di attenzione, normalizza la funzione neurale, disintossica il corpo, facilita il rilassamento, aumenta la capacità polmonare e l’assimilazione della vitamina B e C.


Quindi non è nemmeno necessario abbracciare un albero, anche se la silvoterapia indica che l’abbraccio sia il modo più naturale, in realtà per ottenere benefici per la salute, basta sedersi al loro fianco, appoggiando la schiena sul tronco.  Il contatto con gli alberi è fondamentale, serve ad assorbire le vibrazioni positive.  Alcuni testi antichi sostengono che maggiore è l’espansione dell’albero, maggiori sono le sue doti curative.

 

Secondo queste teorie alcuni alberi sono considerati in grado di fornire più energia positiva. Tra questi troviamo tiglio, pino, quercia, castagno, acero, frassino e salice.
Il cipresso può ridurre la sensazione di calore
L’olmo calma la mente
L’acero allevia il dolore
Il biancospino favorisce la digestione
La betulla è simbolo di rinascita, purificazione, conoscenza e purezza.
L’ontano è simbolo di protezione spirituale e potere oracolare.
Il salice richiama gli aspetti lunari e femminili della vita e dell'ispirazione poetica.
Il frassino è simbolo iniziazione e rinascita.
La quercia è simbolo di potere, energia e sopravvivenza.
Il nocciolo invita alla meditazione, incoraggia la saggezza interiore, l’intuizione e il potere di divinazione.
Il melo è d'aiuto quando si deve prendere una decisione importante.

Insomma il prossimo 21 novembre riavviciniamoci alla natura abbracciando un albero, festeggiamo la giornata nazionale degli alberi facendo un regalo a noi stessi: una terapia naturale, economica  e senza alcuna controindicazione.

Photogallery

Commenti

Lascia un commento

Loading...
0