In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

L'uomo perfetto esiste?

Ha fatto il bis domenica 6 marzo 2016, presso il teatro Bianconi di Carbognano, "L'uomo perfetto" il nuovo spettacolo del regista Diego Ruiz, scritto da Mauro Graiani e Riccardo Irrera, che vede protagoniste Emanuela Aureli, Milena Miconi ed il giovane Thomas Santu.
La commedia leggera, divertente, strappa al pubblico numerose risate.
La Miconi si rivela abile nel ruolo della star disincantata, dal bell'aspetto ma dalla scarsa cultura. Una donna che ha collezionato esperienze negative con uomini di ogni tipo, giungendo alla conclusione che l'unica soluzione possibile sia acquistare un uomo robotico da usare a comando, venduto con il nome di "uomo perfetto".
L'uomo-robot in questione viene interpretato dal giovane Thomas Santu, che si rivela una piacevole scoperta, in un ruolo solo apparentemente semplice.  
L'Aureli mantiene in scena e, alla fine dello spettacolo con gli spettatori in sala, che la avvicinano per una foto, la genuinità che traspare dal personaggio televisivo. Un'eccellente spalla, ironica e sagace che, rinuncia ai suoi sogni da imitatrice (casualmente!) per seguire la sorella come agente nel mondo dello spettacolo.
Si rivelerà utile la presenza in casa di un uomo perfetto?
Ce lo rivela la commedia che, con la sua lunga tournée, sta portando lo spettacolo in numerosi teatri d'Italia.
Quello che è certo è che gli spettatori di ogni dove saranno portati a chiedersi: "ma l'uomo perfetto esiste davvero e soprattutto è di un uomo perfetto che abbiamo bisogno?"
Uno che ascolti quando glielo ordiniamo, che stia in silenzio quando lo spegniamo, che pulisca, faccia la spesa e diventi persino sessualmente attraente e disponibile quando pigiamo un pulsante!
Un uomo che si mostri sensibile pur non provando emozioni... ecco è possibile ignorare le proprie sensazioni? Forse neppure un meccanismo tutto "bulloni e valvole" può ignorare il proprio lato umano.
Umano, la parola che inevitabilmente salta fuori e si allontana e contrappone al concetto di perfezione.
Nell'espressione della propria umanità ciascuno si allontana dall'impossibilità di essere imperfetto, ma è nell'imperfezione che è dato incontrarsi, l'errore è una prerogativa di chi si pone domande e si mette in gioco.
La perfezione non è di questo mondo, ma possiamo ambire ad incontrare ciò che può essere perfetto per il mondo di ciascuno di noi.
Maria Rita Pieri  

Photogallery

Commenti

12/03/2016
07:56:04
Grazie (inviato da Maria Rita )
Grazie mille Rosana! Condivido per quanto riguarda il finale, ma vista la piacevolezza dello spettacolo ho preferito non calcare la mano. Da quanto so lo stanno rivisitando. :)
12/03/2016
06:51:28
La perfezione (inviato da Rosanna)
Volevo fare i complimenti all'articolista per come mi ha fatto rivivere lo spettacolo. Uno spettacolo veramente degno di rispetto. Da rivedere a mio avviso il finale, però nell'insieme questo è uno spettacolo che avrà grande successo.

Lascia un commento

Loading...
0