In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

Riconoscimento ufficiale per Alfio Pannega, la nuova proposta di Viterbo Civica

Nel quinto anniversario della scomparsa, Peppe Sini, responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, ricorda con commozione Alfio Pannega, il clochard che scriveva poesie.
Sulla scia del ricordo, l’associazione Viterbo Civica si fa portavoce di un’azione popolare per ottenere un riconoscimento postumo per Alfio Pannega. Sarebbe un gesto carino nei confronti di un uomo buono che amò immensamente la sua città, intitolargli una via, una sala, un parco, una scuola, un locale, Con tutto il rispetto per Mazzini, Garibaldi e Lucio Battisti, ma prima di intitolare strade, piazze e giardini comunali a personaggi che con la nostra storia non c’entrano quasi nulla, non sarebbe il caso di dare un riconoscimento doveroso a questi figli dimenticati di Viterbo?
Non credete che lo meriti?

"Era il più buono degli uomini, uno strenuo combattente per la causa della liberazione dell’umanità e della difesa della natura, un esempio di come ogni persona e l’umanità intera potrebbe e dovrebbe essere: libera, giusta, solidale.

Proprio perché conosceva la fatica e il dolore, conosceva lo sfruttamento e l’oppressione, conosceva la violenza di tutti i poteri iniqui, aveva sempre combattuto contro il fascismo, contro lo sfruttamento, contro la corruzione, contro ogni menzogna e violenza, contro ogni offesa e umiliazione.

Sapeva lottare senza risentimento, senza meschinità, senza incertezze, con il coraggio di chi sa che gli oppressi hanno da perdere solo le loro catene, e con la tenerezza di chi sa che gli oppressi hanno solo la loro dignità, e che combattendo per la loro dignità combattono per la dignità di tutti gli esseri umani, per la liberazione di tutta l’umana famiglia, per la verità dell’intero genere umano così come s’incarna in ogni persona che viene al mondo e che è pur destinata a perire in breve volger di tempo: che si faccia dunque il possibile perché la vita di ogni creatura sia degna e felice, che l’intera umanità si stringa in un unico abbraccio che tutte le persone sostenga, soccorra, conforti: pensava ciò che pensava Leopardi; pensava i forti, i giusti pensieri che solo puoi pensare se insieme sai agire con la tenerezza e con la fermezza dei forti e dei giusti.

Amava la vita di un amore gioioso: per lui tutto era grazia, tutto era gioia, tutto era beltà il mondo vivente: nutriva un amore creaturale per tutte le creature – le persone, gli animali, le piante -, che conosceva di una conoscenza sapiente e savia, empatica ed esatta; conosceva il cuore degli uomini e del mondo.

Era un poeta e un militante – comunista, libertario e nonviolento – del movimento delle oppresse e degli oppressi per la liberazione dell’umanità: la sua poesia e la sua militanza erano una medesima cosa, sapeva che tutta la civiltà umana ha questo solo fine: salvare le vite, soccorrere il fragile e l’indifeso, prendersi cura delle persone e del mondo.

Scrisse Einstein di Gandhi che l’umanità avvenire avrebbe stentato a credere che un simile uomo fosse davvero vissuto; e nel suo movimento oratorio questa frase coglie ed ostende profonda una verità; ma è vero anche – è vero anche – che innumerevoli sono state e sono e saranno le persone buone, meravigliosamente buone, buone come il pane, così buone che la loro esistenza è già un miracolo (ma in verità ogni nascita è un miracolo, come scrisse una volta Hannah Arendt la cui parola è infallibile); tra queste persone buone che hanno illuminato la mia vita vi è stato – vi è – Alfio Pannega. Che grande fortuna averlo conosciuto. Qui lo ricordo e lo ringrazio ancora.

La lotta per un’umanità di persone libere ed eguali in diritti continua; continua la lotta per salvare le vite; nel ricordo, nella fedeltà alla testimonianza e al legato di Alfio Pannega la nonviolenza è in cammino."

Peppe Sini

Photogallery

Commenti

03/05/2015
12:09:15
una via x alfio (inviato da francesca)
Sì merita una via ...questo uomo ...viterbese....sarebbe bello ristrutturare la...sua casa di valle faul dv ha vissuto e intitolata a lui....
03/05/2015
00:04:37
Alfio Pannega (inviato da letizia)
bellissime le parole di peppe ,ma il commento del sign.leandro avrà fatto girà alfio nella tomba .... ricordiamo che alfio l'abbiamo amato tutti noi viterbesi ,ma il riconoscimemento maggiore l'ha avuto proprio da quelli che l'hanno amato accudito e reso felice in vita !!! ottimo dedicargli qualcosa è un pezzo di storia viterbese ,ma io non mi perdonerò mai che per quanta gente lo ha amato non si sia riusciti a regalargli gli ultimi anni in una dimora decente ... la sua tanto sognata casetta di legno !!! ricordiamolo tutti anche lei sign leandro è morto in un container ... ma aveva i suoi "figli"accanto ed è morto felice !!!!
02/05/2015
11:02:30
Buono (inviato da Leandro)
Era ora che vi accorgevate del nostro Mitico Alfio Pannega. Un uomo buono, un amico di tutti. In questi anni dalla sua morte mi è dispiaciuto che i ragazzi del centro sociale che lui reputava e considerava come figli, non si siano mai fatti sentire in tal proposito... Spero che sia solo una triste dimenticanza, altrimenti la riconoscenza questa sconosciuta a quanto pare. Sotto leggo che due politici stanno sposando la causa. Ben fatto, ora auspico che anche i loro colleghi facciano un bel gesto in favore delle richieste dei cittadini. E come dice Marini: uniti e niente battibecchi.
02/05/2015
10:40:25
Commossa (inviato da Alessia)
Mi avete fatto commuovere.. Ricordare gli "ultimi" è il gesto più bello che potevate fare. Vedo che Meroi e Marini già sposano la causa. Complimenti a loro e complimenti a chi in futuro porterà in porto questa lodevole iniziativa partita dalla gente.
02/05/2015
09:33:38
Un'iniziativa da sostenere (inviato da Marcello Meroi)
Condivido l'iniziativa. La città deve ricordare chi è stato un pezzo della sua storia, della cultura e delle tradizioni viterbesi. Ho conosciuto Alfio e non posso che essere d'accordo con le parole di Peppe Sini. Un uomo buono, che ha vissuto la sua povertà con grandissima dignità, lasciandoci insegnamenti importanti e .....poesie bellissime. Marcello Meroi
02/05/2015
09:10:55
era ora (inviato da Dario)
Sicuramente e finalmente questa bella iniziativa speriamo che unirà i politici di destra e di sinistra. Bravo a chi ha avuto l'idea che cmq sfido un solo cittadino ad essere contrario
02/05/2015
08:58:29
intitolare una strada ad Alfio (inviato da Giulio Marini)
L'iniziativa è sicuramente lodevole e condivisibile, anche se la norma prevede l'effettuazione di simili iniziative dopo 10 anni dalla scomparsa, però credo che una iniziativa analoga l'amministrazione comunale possa realizzarla. Da Sindaco non me lo aveva ordinato il medico di realizzare una iniziativa pubblica in onore di Alfio, avevo dato corpo alle motivazioni che Lui ci aveva trasmesso. E allora con un po' di coraggio il mio successore potrebbe iniziare un percorso che porti Alfio al centro di una discussione di valori non di inutili battibecchi, come purtroppo spesso accade. Sicuramente porterò in aula la vostra proposta! Giulio Marini

Lascia un commento

Loading...
0